Sesto Fiorentino
Le origini del Comune di Sesto Fiorentino sono rinvenibili nelle testimonianze funebri visitabili nei pressi di Quinto, nel parco di Villa Manfredi, dove è ancora ammirabile la tomba etrusca della Montagnola, l’edificio funebre risale al VII secolo a.C., ed è in ottimo stato di conservazione.

Tra i monumenti di maggiore interesse c’è anche la Tomba della Mula, un edificio funebre a thòlos, costruita nel VII secolo a.C.
Il nome deriva alla tomba da una leggenda antica, secondo la quale nella zona era sepolta una mula d’oro.

Notevoli snche le Pievi di S. Martino del IX secolo e di S. Andrea a Cercina, di S. Maria a Quinto e di San Bartolomeo a Carmignanello del XII secolo.

Per gli amanti della natura, un percorso turistico obbligato a Sesto Fiorentino è costituito dal Parco del Neto: un’area naturalistica inserita all’interno di una zona fortemente urbanizzata che resiste incontaminata.
Tra le Chiese più antiche di Sesto Fiorentino bisogna ricordare senz’altro la Chiesa di Santa Maria e San Jacopo a Querceto.


 


Prenota Ora

e
e